Questo sito usa cookies tecnici e cookies di terze parti per la raccolta in forma aggregata e anonima di dati che aiutano la Provincia di Alessandria a migliorare la fruibilità dei contenuti. Proseguendo la navigazione del sito, effettuando uno scroll della pagina o clickando il bottone Accetta, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consultare la voce Informativa cookies
Mercoledì 24 Maggio 2017
Salta i link dei menu
Versioni alternative: Solo testo - Alta visibilità
Home Frecce Comunicati stampa

Attuazione S.I.A. – Protocollo d’Intesa

Autore: Ufficio Stampa e Relazioni Esterne.
Data prima pubblicazione: Mercoledì, 26 Aprile 2017, Ore: 12:02:50
Data ultima modifica: Mercoledì, 26 Aprile 2017, Ore: 12:02:50
Area tematica: Volontariato e cooperazione sociale
Destinatari: Cittadini, Associazioni, Enti
Data: 18-04-2017
Numero: 21
Descrizione:
 Il  Sostegno per l’Inclusione Attiva  (S.I.A.)) è una misura di contrasto alla povertà promossa a livello nazionale dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, che prevede l’erogazione di un contributo economico alle famiglie in condizioni economiche disagiate, che presentino determinati requisiti di reddito e riferiti alla composizione del nucleo familiare. Coloro che saranno ammessi al beneficio, per poterne godere, dovranno aderire ad un progetto personalizzato ed impegnarsi in un percorso condiviso con i servizi sociali  e con i soggetti pubblici e del privato sociale competenti sul territorio in materia di servizi per l’impiego, istruzione, formazione e tutela della salute, nonché con altri servizi a seconda delle fragilità espresse dal nucleo familiare interessato.
L’equipe di base che deve formulare i progetti  individualizzati, secondo il decreto, è formata da un assistente sociale dei servizi di riferimento del beneficiario e da un operatore del Centro per l’Impiego. . Il progetto individua nel lavoro la via privilegiata  per raggiungere l’autonomia ed affrancarsi da percorsi assistenziali infiniti.
Ai sensi della Legge 208 del 2015 e successivo decreto interministeriale del maggio 2016 è necessario predisporre per i beneficiari un ‘patto di servizio’ volto al  superamento della condizione di povertà, reinserimento lavorativo, inclusione sociale.