Questo sito usa cookies tecnici e cookies di terze parti per la raccolta in forma aggregata e anonima di dati che aiutano la Provincia di Alessandria a migliorare la fruibilità dei contenuti. Proseguendo la navigazione del sito, effettuando uno scroll della pagina o clickando il bottone Accetta, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni consultare la voce Informativa cookies
Home Frecce Comunicati stampa

La celebrazione del 4 novembre a Bistagno

Autore: Ufficio Stampa e Relazioni Esterne.
Data prima pubblicazione: Giovedì, 05 Novembre 2015, Ore: 15:00:51
Data ultima modifica: Giovedì, 05 Novembre 2015, Ore: 15:03:38
Data: 04-11-2015
Numero: 49
Descrizione:
In occasione della Giornata Nazionale dell’Unità nazionale e delle Forze armate, il 4 novembre 2015 si sono svolte nel Comune di Bistagno le celebrazioni in onore dei caduti in guerra . La Presidente della Provincia, Rita Rossa si è recata presso il Municipio ed ha partecipato alla S.Messa ed ha tenuto infine di fronte al monumento ai Caduti, in Piazza Giovanni Battista la relazione ufficiale, in presenza del Sindaco di Bistagno Celeste Malerba , dei Sindaci di Spigno, Denice, Montechiaro d’Acqui, Castelletto d’Erro e Ponzone, delle Associazioni civili e militari, degli studenti delle scuole elementari (classe quinta) e scuole medie (classi terze) che hanno letto alcuni toccanti brani di poesie , tra le quali ‘San Martino del Carso’ di Giuseppe Ungaretti ‘Nello loro parole, (riferendosi ai giovani) si trova lo spunto per riflettere, ha sottolineato Rita Rossa , nella relazione ufficiale. Lo studio della storia non è solo conoscere le date, ma è saper coniugare i fatti accaduti con gli avvenimenti del presente. Riflettere sulla tragedia della guerra ci impone il senso di responsabilità , il dovere di costruire modalità di convivenza e condivisione che rifuggano dagli orrori della guerra e che aprano il cuore e la mente. Sugli scenari mondiali i nostri militari sono mediatori di pace, proprio in un momento storico , come questo, dove il fanatismo e la violenza rischiano di avere il sopravvento e di aprire nuovi scenari di guerra . L’unica arma per difendersi è la cultura, la bellezza, che devono essere guida del nostro agire ‘ .
Documenti

Documento foto in fase di pubblicazione

Documento foto2 in fase di pubblicazione

Documento foto3 in fase di pubblicazione